Crespellano, storia e territorio

Tra Samoggia e Martignone, Crespellano, conosciuta come città delle ville, ha come centri principali, oltre al capoluogo, Calcara e Pragatto (antiche comunità) e Chiesa Nuova, Muffa e Ponte Samoggia, sviluppatesi più recentemente. L’origine del toponimo viene fatta risalire al prediale romano fundus Crespinianus o Crespilianus, appartenente a tal Crespinius. Lo sviluppo antico del territorio appare legato a due strade: la via Emilia e la via Claudiola, l’attuale “Bazzanese”, anch’essa di origine consolare. Crespellano ha tuttavia origini preistoriche: i reperti archeologici venuti alla luce in gran numero nelle ricerche-scavi effettuati nel secolo scorso, infatti, ci riportano a i quell’età remota. Nella terrazza pliocenica di Pragatto esistono tracce di rocce risalenti al periodo geologico dell’era Cenozoica o Terziaria. Ai piedi della collina stessa sono stati trovati reperti e manufatti risalenti al Paleolitico medio o musteriano e, sempre nei pressi di Pragatto, Giovanni Gozzadini nel 1874 scoprì una necropoli a cremazione e l’archeologo Zannoni nel 1879 identificava una stazione terramaricola. Altri reperti e materiali vennero alla luce negli scavi effettuati alla Ca’ Selvatica, nella zona San Lorenzo a Calcara e nei pressi della località Banzi-Chiesa Nuova di Crespellano. Da ricordare particolarmente due splendide steli, una etrusca e l’altra villanoviana. Reperti romani sono stati rinvenuti lungo il rio Cassola e al Castellaccio, ma la testimonianza principale dell’epoca romana è la “centuriazione”, modello di gestione del territorio che ricalca il “castrum”, cioè l’accampamento militare, che a sua volta ha ispirato anche le città romane, tipicamente organizzate su reticoli di strade perpendicolari e parallele. Applicate in campagna la centuria diventa un quadrato di terreno 700 x 700 metri, delimitato da strade e fossi, di cui ancora vediamo tracce nella campagna tra Crespellano e Calcara. Secondo alcuni, Crespellano è da riconoscersi nel pago romano di Verabulo, appartenuto all’abbazia di Nonantola e quindi a Matilde di Canossa che, in zona, aveva nel castello di Monteveglio il principale avamposto. Dopo la morte della contessa Matilde, famiglie feudali comandarono Pragatto e Crespellano, mentre Calcara dipendeva dall’Abbazia di Nonantola. Dal 115 7 al 1188 il Governo di Bologna sottomise il territorio, come si trova confermato nell’ordinamento dato da Bologna al contado nel 1223: Crespellano, Pragatto e Calcara vennero divise in tre distinte comunità. Successivamente e fino all’istituzione del Capitanato di Bazzano nel 1508, il castello di Crespellano venne sovente coinvolto nella guerra tra Bologna e Modena e vide passare sul proprio territorio, con frequenti occupazioni, le truppe modenesi, i Guelfi, i Ghibellini, i Visconti, gli imperiali, truppe pontificie, mercenari con i vari Capitani di ventura (tra cui John Hawkwood ribattezzato in italiano Giovanni Acuto) e i Bentivoglio.

Queste gravi vicende, di volta in volta arrecarono danni al castello che subì assedi, saccheggi e tragiche vendette con pesanti devastazioni nelle campagne. La zona, su cui insisteva il confine tra Bologna e Modena, è stata a lungo travagliata da lotte e scorribande: nel 1297 con Uguccione della Faggiola, nel 1325 con “Passerino” Bonaccolsi, con i Modenesi nel 1330, con Giovanni da Oleggio nel 1355, nel 1363 con Bernabò Visconti, con Gìacomo Caldora nel 1428.

All’inizio del secolo XVI Crespellano, Pragatto e Calcata conobbero un periodo di relativa pace. Di conseguenza le campagne, pressoché disabitate, lentamente risorsero fino a diventare, con l’immissione di capitali, abbastanza floride e fonti di cospicui redditi per le famiglie senatoriali bolognesi. Nel 1796 giunse il generale Bonaparte che trasformò tutto, scardinando il potere e la struttura di governo pontificia ed introducendo modelli organizzativi che la Restaurazione del 1815 non abbandonerà. Nel 1805 mutò l’ordinamento comunale e le relative funzioni: sorgevano due Comuni moderni con i relativi sindaci. Crespellano con Pragatto e Calcara con Sant’Almaso e Santa Maria in Strada. Nel 1810 con un altro decreto avvenne una riaggregazione di Comuni e nacque il Comune di Crespellano con Pragatto, Calcara e Sant’Almaso. Nel 1817 Crespellano fu smembrato ma poi ricostituito nel 1828. Il Comune di Crespellano partecipò ai sacrifici e alle lotte legate all’Unità d’Italia e a quelle della Resistenza. Subì sia la Prima che la Seconda guerra mondiale, ma combatté valorosamente contro l’occupazione nazista. Alla conclusione del primo conflitto bellico Crespellano contò 128 giovani caduti; nella Seconda guerra mondiale i caduti, fra militari, partigiani e civili, furono 135. Da ricordare la partecipazione dei giovani crespellanesi alle battaglie di Montefiorino e di Porta Lame a Bologna.

(fonte: “Le valli del Samoggia e del Lavino nella Storia. Itinerari luoghi personaggi” Edito dalla Comunità Montana Unione dei Comuni Valle del Samoggia 2007)

Contatti

 
Sede centrale: Piazza Garibaldi 1 - loc. Bazzano
40053 Valsamoggia (BO)
Telefono +39 051 836411 - Fax +39 051 836440
 
Codice fiscale e partita IVA: 03334231200
iban e fatturazione elettronica
Pagamenti online
Valsamoggia © 2018

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy. Acconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?