Autorizzazione installazione insegne pubblicitarie, cartelloni pubblicitari e frecce direzionali

Indice articoli

Cos'è

E' l'atto con cui la Pubblica Amministrazione autorizza ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n.285 (Codice della Strada) l’installazione di cartelli, insegne di esercizio, ed altri mezzi pubblicitari, visibili dalle strade pubbliche, su tutto il territorio comunale, con eccezione delle opere attinenti alle strade statali e provinciali, all’esterno dei centri abitati (per le quali risultano invece competenti A.N.A.S. e Provincia)

Modulistica

domanda di autorizzazione formato .doc - formato .odt
v. anche oltre, sezione Documentazione, per i dettagli

Servizio comunale di riferimento

Sportello Edilizia

Clicca su Avanti per saperne di più


 

Requisiti

Avere la proprietà dell'immobile o essere autorizzati dalla proprietà per eseguire l'installazione

Documentazione 

(v. sopra, sezione Modulistica, per scaricare la domanda)

La domanda di autorizzazione, in bollo (Euro 16.00), deve contenere:
- complete generalità della persona fisica richiedente, e dell’eventuale società o ente per il quale agisce (con specificazione del titolo di rappresentanza e di potere);
- tipologia del manufatto - luogo di collocazione - periodo (se provvisoria);
- identità del proprietario dell’immobile sul quale si intende collocare il manufatto (se diverso dal richiedente, la domanda deve contenere il titolo attributivo della disponibilità, oppure una dichiarazione di assenso del proprietario);
- disegno a colori, del manufatto e dell’immagine contenuta (con specificazione delle misure esatte, delle caratteristiche tecniche, dei materiali e della eventuale luminosità per luce propria o riflessa);
- copia CTR (carta tecnica regionale) in scala adeguata per l'individuazione dell'area oppure dati catastali o estratto di mappa oppure planimetria (con strade ed edifici interessati, e misure utili all’esatta individuazione del punto di collocazione, dell’altezza e della distanza dalle strade);
- fotografia del luogo di collocazione;
- copia del nulla osta tecnico dell’ente proprietario della strada, qualora risulti interessato un tratto di strada statale o provinciale interno ai centri abitati (A.N.A.S. - ufficio concessioni, v.le Masini, 18 - 40126 Bologna – t. 051-6301111 / Provincia di Bologna - settore viabilità, via Malvasia, 4 - 40126 Bologna – t. 051-6598111);
- Attestazione di avvenuto pagamento dei diritti di segreteria

Allegati da presentare:

Gli interventi che riguardano immobili tutelati ai sensi del D.Lgs. 42/2004 “Codice dei bei culturali e paesaggistici”, richiedono l'ottenimento preventivo dell'autorizzazione paesaggistica, rilasciata dal servizio Ambiente previo presentazione di specifica istanza.

Come si avvia e si conclude il procedimento / tempi

Il servizio si avvia su richiesta dell'interessato e si conclude con una comunicazione scritta al richiedente, da parte del Responsabile del Servizio competente; la validità è di 3 anni in caso di accoglimento (quelle temporanee hanno una validità inferiore) o fino al sussistere delle cause che hanno determinato il diniego (è comunque necessario presentare una nuova domanda).
Tempi per la conclusione: entro 30 giorni dalla ricezione della domanda corretta e completa da parte del Comune (in caso di autorizzazione paesaggistica entro ulteriori 60 giorni). Ai sensi dell'art. 2 comma 9 bis della L. 241/1990 e successive modifiche ed integrazioni, nonché delle disposizioni contenute nello specifico atto, in caso di inerzia e trascorsi inutilmente i termini per la conclusione del procedimento, il richiedente può rivolgersi al Segretario Generale del Comune.

Costi per l'utente

- N° 1 marca da bollo da Euro 16,00 alla presentazione della domanda;
- N° 1 marca da bollo da Euro 16,00 al ritiro dell'autorizzazione.

Prima della presentazione della pratica va effettuato il pagamento dei diritti di segreteria pari a Euro 55,00 secondo la delibera adottata dal Comune, tramite C.C.P. n. 1018373298 intestato al Comune di Valsamoggia – Servizio di Tesoreria – P.zza Garibaldi n. 1 – 40053 Valsamoggia o con bonifico bancario ordinario intestato a Comune di Valsamoggia c/o UNICREDITBANCA spa - IBAN IT58C0200805403000102985524  indicando la causale del pagamento

In caso di richiesta di autorizzazione paesaggistica, occorre sostenere anche i seguenti costi:
- N° 1 marca da bollo da Euro 16,00 e il pagamento di Euro            di diritti di segreteria alla presentazione della domanda;
- N° 1 marca da bollo da Euro 16,00 al ritiro dell'autorizzazione.

Normativa

Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n.285

Note

Dopo il ritiro dell’autorizzazione, il titolare deve provvedere all’iscrizione per il pagamento del Canone Unico sulla pubblicità

Comune di Valsamoggia © 2021