Prendere o cambiare la residenza nel comune

Indice articoli

Cos'è

Quali sono le principali cose da fare quando si intende prendere la residenza o cambiare indirizzo all’interno del comune

A chi rivolgersi

Sportelli Polifunzionali del cittadino

Modulistica

(v. anche oltre, sez. Note, per i dettagli)

Se hai credenziali SPID, puoi presentare il modulo direttamente online: compila qui

Modulistica cartacea
Dichiarazione di residenza Allegato 1 - dichiarazione di residenza
Dichiarazione di residenza Allegato 2 - dichiarazione di trasferimento di residenza all'estero
Dichiarazione di residenza Allegato A documenti cittadini non UE
Dichiarazione di residenza Allegato B documenti cittadini UE
Dichiarazione di residenza Allegato C Assenso al trasferimento di residenza di minore
Dichiarazione di residenza Allegato D Impossibiltà a produrre assenso al trasferimento di residenza di minore
Dichiarazione di residenza allegato E Dichiarazione famiglia coabitante (se non ci sono vincoli di parentela o affettivi) - famiglia convivente (se ci sono vincoli affettivi o di parentela)
Dichiarazione del proprietario dell'immobile (per casi particolari es. comodato verbale)
Dichiarazione di residenza Allegato F Segnalazione cambio residenza altra persona
Dichiarazione di residenza Allegato G Dichiarazione non titolarità patente e veicoli
Conferimento di rappresentanza

Per saperne di più clicca su Avanti


A chi si rivolge il servizio/requisiti

Avere la dimora abituale nel Comune di Valsamoggia

Costi per l'utente

nessuno

Come si avvia e si conclude il procedimento / tempi

Il servizio si avvia su richiesta dell'interessato e si conclude con l'iscrizione anagrafica o aggiornamento dell’indirizzo. Tempi: Se la documentazione presentata a corredo dell’istanza risulta completa e regolare, la registrazione anagrafica avverrà entro due giorni lavorativi dalla data di presentazione dell'istanza; l’ufficio provvederà ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti nel termine di 45 giorni dalla data di presentazione; se entro il 45° giorno gli interessati non avranno ricevuto comunicazioni, l'istanza si intenderà accolta e il procedimento definitivamente concluso, ai sensi dell'art. 20 legge 241 / 1990;
Ai sensi dell'art. 2 comma 9 bis della L. 241/1990 e successive modifiche ed integrazioni, nonché delle disposizioni contenute nello specifico atto, in caso di inerzia e trascorsi inutilmente i termini per la conclusione del procedimento, il richiedente può rivolgersi al Responsabile preposto all'Ufficio.

Riferimenti normativi

D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223

D.L. 9 febbraio 2012, n. 5

Note

Il D.L. 28/03/2014 n. 47, all’art 5, relativo alla lotta all’occupazione abusiva dispone: “Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge .”
In applicazione di queste disposizioni, perché gli uffici comunali possano ricevere correttamente le dichiarazioni di residenza, indichiamo di seguito la modulistica da allegare alla dichiarazione stessa.
IN MANCANZA DI TALE DOCUMENTAZIONE LA RICHIESTA DI RESIDENZA NON PUÒ ESSERE RICEVUTA.

I cittadini italiani o stranieri provenienti da altro Comune italiano o da uno Stato estero, che intendono denunciare il trasferimento della residenza nel Comune di Valsamoggia o che abbiano trasferito la propria residenza all’interno del Comune, possono presentarsi, entro 20 giorni dalla data del trasferimento, in qualunque Sportello Polifunzionale presente sul territorio. Il cambio di residenza decorre dal giorno in cui è stata presentata la domanda.

In caso di trasferimento di un intero nucleo familiare, la denuncia può essere presentata da uno qualsiasi dei componenti la famiglia purché maggiorenne; in questo caso, chi si reca allo Sportello dovrà presentare il modulo di Conferimento di rappresentanza firmato in originale insieme a copia documento di riconoscimento di tutti gli altri componenti maggiorenni.

Qualora il cambio di residenza o di indirizzo riguardi esclusivamente un minore, se fra i firmatari del modulo allegato non sono ricompresi entrambi i genitori, inviare l’assenso del genitore non firmatario (allegato C) unitamente alla copia non autenticata di un suo documento di riconoscimento. In caso non sia possibile produrre tale assenso, inviare il modello allegato D.

Il dichiarante deve inoltre indicare il numero interno dell'unità immobiliare affisso alla porta di ingresso dell'abitazione. Se l'appartamento è sprovvisto di numero interno deve segnalarlo all'operatore di sportello.

La denuncia del cambio di residenza per coloro che entrano in una convivenza (collegio, convitto, caserma, casa protetta ecc.), è di competenza del capo-convivenza/direttore e non del diretto interessato.

Per chi si trasferisce in un appartamento dove è già residente un nucleo familiare, viene richiesta una dichiarazione di conoscenza del trasferimento, resa da un maggiorenne di detto nucleo (allegato E).

Chiunque, avendone interesse (ad esempio il proprietario dell’alloggio) può segnalare mediante il modello allegato F la mancata dichiarazione di trasferimento di residenza di un’altra persona, attivando così la procedura di verifica della dimora abituale.

Se gli interessati al trasferimento di residenza sono in possesso di libretto di circolazione di veicoli e/o di patente di guida italiana o rilasciata da Paesi dell'UE e riconosciuta dall'Italia, il dichiarante deve anche fornire, i seguenti dati:

per i veicoli: la targa

per le patenti: numero, tipo (A, B, C...), data rilascio, ente che ha rilasciato il documento (Prefettura o Motorizzazione) con la relativa provincia. Si suggerisce di recarsi presso lo sportello con le patenti e i libretti di circolazione per evitare errori sui dati degli stessi.

Dal 2 febbraio 2013 sulla nuova patente di guida è stata eliminata l'indicazione della residenza del titolare, per effetto della modifica dell'art. 116 , comma 13, del Decreto Legislativo del 30 aprile 1992, n. 285 "Nuovo Codice della Strada", introdotta dal Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n.2.

Tale dato continuerà ad essere registrato nell'archivio degli abilitati alla guida di cui all'art. 226 del D. Lgs. 285/1992 "Nuovo Codice della Strada", (archivio patenti) e costantemente aggiornato sulla base delle comunicazioni inviate dai Comuni all'Ufficio Centrale Operativo della Motorizzazione, a seguito della dichiarazione resa dal titolare di patente in occasione del cambio di residenza. Inoltre l'obbligo di applicare il tagliando adesivo di aggiornamento sul documento di circolazione è stato sostituito dall’obbligo di richiedere semplicemente l’aggiornamento dei dati contenuti nell’Archivio Nazionale Veicoli (ANV): questo obbligo viene assolto dai comuni al momento della dichiarazione di residenza. I cittadini, tramite le apposite funzioni rese disponibili attraverso il Portale dell’Automobilista previa registrazione, possono scaricare l’attestazione contenente i dati di residenza, così come registrati nell’ANV, da esibire in caso di necessità.

Gli interessati al trasferimento di residenza che non fossero in titolari di patente di guida e di libretto di circolazione, dovranno rendere apposita dichiarazione mediante il modello allegato G

Nota bene: in caso di impossibilità a presentarsi, potrà essere accolta la richiesta già sottoscritta dall'altro o dagli altri componente/i purché accompagnata per le persone non presenti dalla fotocopia non autenticata di un valido documento di riconoscimento.

Servizio comunale di riferimento

Area Affari Generali, Demografici e Decentramento - ufficio anagrafe

Comune di Valsamoggia © 2021